Skip to content

Birmingham: la banca ottocentesca che divenne un pub

A Birmingham c’è un pub che devi assolutamente visitare se sei alla ricerca di un’opportunità unica per rivivere le atmosfere ottocentesche. Per cominciare credo che, parlando di Birmingham, vada fatta una premessa: si tratta sicuramente di una città che ricoprì un ruolo fondamentale nell’Ottocento, contribuendo significativamente allo sviluppo industriale dell’Inghilterra, in particolare attraverso la sua rete di canali che rimase il mezzo di trasporto principale delle merci sino all’avvento delle ferrovie. Tuttavia, oggi è piuttosto difficile trovare edifici originali muovendosi per la città. Nel corso dei decenni è stata effettuata un’interessante opera di ricostruzione per mantenere intatte le atmosfere storiche, riproponendo in una veste rinnovata i classici edifici a mattoni rossi che anche oggi rimangono simbolo di un’epoca. Però appunto, come dicevo, sono pochi i luoghi in cui si può oggi davvero respirare un’atmosfera ottocentesca autentica e uno di questi è senz’altro il Cosy Club

Situato all’incrocio di Bennetts Hill e Waterloo Street, il pub è stato inaugurato a maggio 2015 per trovare una nuova destinazione a quella che era nell’Ottocento la sede della Birmingham Banking Company. Per via della sua location, l’edificio divenne noto nei decenni col nome di Bennetts Hill building e fu progettato nel 1835 dall’architetto Thomas Rickman, oggi ricordato come una delle figure chiave nella diffusione dello stile gotico nell’Inghilterra di epoca vittoriana. Tra le sue opere più famose il Castello di Gwrych e la Bishop Ryder Memorial Church, che si trovava sempre a Birmingham ma che purtroppo non è sopravvissuta sino ai nostri giorni. Il Bennetts Hill Building rimase sede della Birmingham Banking Company fino al 1914, quando passò invece nelle mani della Midland Bank, mantenendo quindi invariata la sua funzione, seppur sotto un’ala differente.

Non è raro oggi scoprire che edifici storici dall’aspetto grandioso fossero concepiti inizialmente come sedi di importanti banche, questo perché una sede prestigiosa era senz’altro lo strumento più immediato con cui una banca poteva comunicare la sua potenza economica e quindi la sua solidità. 

Il recente progetto del Cosy Club ha quindi voluto instillare nuova linfa vitale in un contenitore unico che non ha perso il suo fascino nei decenni: gli interni sfoggiano un colonnato che, unito alle luci soffuse che accompagnano un menù di drink classici e piatti della tradizione inglese, trasmette un’anima antica difficilmente rintracciabile in altri luoghi della città

Il locale si sviluppa su due livelli e la panoramica più affascinante si ottiene dal primo piano… se lo troverai chiuso nel momento in cui entrerai nel pub, ti consiglio di chiedere allo staff se puoi salire le scale per un minuto, ne varrà la pena! Ti segnalo inoltre che, se ti capitasse di voler festeggiare in una cornice più intima con un tuo gruppo di amici, il locale mette a disposizione anche due sale private, la Board Room e la Holden Room, entrambe spettacolari e la prima munita anche di un bar a uso esclusivo della sala. Puoi trovare più informazioni e alcune foto cliccando qui.

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Restiamo in contatto!

Iscriviti GRATIS alla mia newsletter, ogni mese ti aggiornerò sulle mie avventure ottocentesche, con info esclusive su viaggi, progetti e pubblicazioni!

tutti i campi sono obbligatori

Sei sul blog di Laura Bartoli

Da anni studio, colleziono e traduco Charles Dickens. Sono una digital strategist appassionata di libri antichi e viaggio alla ricerca dei luoghi dove il tempo si è fermato all’età vittoriana. Questo blog è lo spazio virtuale in cui racconto le mie avventure a cavallo tra passato e presente. Clicca qui per conoscermi meglio!